edizioni unicopli
NOVITA' 2010 - MAGGIO


Prezzo:
€ 15
Pagine:
240
Collana:
Frontiere della formazione - 21
Pubblicazione:
Maggio 2010
L'epistemologia pedagogica anglosassone.
Tra Kneller, Peters, Scheffler e oltre.

Autore
Marco Giosi si è laureato e formato a Roma su temi di filosofia morale e politica. Dal 2004 insegna e svolge attività di ricerca presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università di Firenze, dove ha conseguito il Dottorato di ricerca. Le sue ricerche concernono, in particolare, l'epistemologia della formazione, la filosofia dell'educazione, l'estetica. Tra le sue pubblicazioni più recenti: Stanley Cavell. Un percorso dall'epistemologia al romanzo nel 2008 e, nel 2009, Pedagogia generale.

Opera
Il testo prende in esame l’articolato processo di sviluppo della philosophy of education anglosassone di matrice analitica a partire dalla fine degli anni Cinquanta fino agli anni Ottanta-Novanta, analizzandone problemi, temi, elaborazioni teoriche, ricostruendone i termini del dibattito e seguendone il complesso iter storico-epistemologico, segnato da una crisi del modello filosofico-analitico originario, tra neo-aristotelismo e revisione neo-liberale di esso. Viene, inoltre, presentata l’analisi di tre modelli – forse i più emblematici nell’analisi discorsiva e nella progettazione educativo-formativa –, quelli di Kneller, di Peters, di Scheffler, che scandiscono tre frontiere significative della filosofia analitica in pedagogia.
>inizio pagina


Prezzo:
€ 16
Pagine:
254
Collana:
 Testi e studi - 230
Pubblicazione:
Maggio 2010
Il movimento operaio milanese di fronte alla Grande Guerra.

Curatore
Carlo Antonio Barberini si occupa da tempo, nell?ambito della attività del Centro Filippo Buonarroti, della storia del marxismo e del movimento operaio, sia sul piano della ricerca scientifica che dell?organizzazione di convegni (tra i quali ricordiamo negli ultimi anni quelli su Antonio Labriola, Antonio Gramsci, le origini della Confederazione Generale del Lavoro e su militarismo e pacifismo nella sinistra italiana) in collaborazione con Marzio Zanantoni. Di questi convegni ha poi curato la pubblicazione degli Atti, sempre per le Edizioni Unicopli.

Opera
Il libro affronta un argomento che, nonostante l’evidente rilievo per la storia di Milano e del movimento operaio milanese, è stato finora poco considerato. Il materiale raccolto è in parte il risultato dei lavori del convegno organizzato sull’argomento dal Centro Filippo Buonarroti in collaborazione con la Camera del Lavoro di Milano, completato con saggi scritti ad hoc e con altro materiale interessante tratto da pubblicazioni preesistenti. L’obiettivo che ci si è proposto è stato quello di offrire un quadro esauriente delle posizioni teoriche ed ideologiche espresse dalle varie anime del movimento operaio milanese (socialisti, cattolici ed anarchici) e delle conseguenti battaglie politiche che si svilupparono prima e durante le drammatiche vicende della Grande guerra. Una particolare attenzione è stata riservata alle vicende, sin qui pressoché ignorate, della Sinistra socialista milanese.
>inizio pagina


Prezzo:
€ 14
Pagine:
219
Collana:
Psicologia sviluppo sociale e clinico - 36
Pubblicazione:
Maggio 2010
Le condizioni sociali del pensiero.
Contesti, attività e ricerca di senso.

Autore
Antonio Iannaccone è professore ordinario di Psicologia dello sviluppo e dell'educazione presso l'Università degli Studi di Salerno. È stato professore invitato in diverse Università europee, in particolare quelle di Neuchâtel, in Svizzera, e di Toulouse "Le Mirail", in Francia e dirige la rivista Psicologia culturale. Dalla metà degli anni Ottanta ha sviluppato ricerche nazionali ed internazionali sugli effetti delle interazioni sociali nello sviluppo cognitivo e su temi connessi ai processi di insegnamento/apprendimento.

Opera
Il volume, attraverso un’analisi critica della letteratura e la presentazione di dati empirici, è finalizzato a contribuire al dibattito scientifico a proposito del ruolo delle interazioni sociali nello sviluppo cognitivo. Esso specificamente esamina i costrutti di conflitto socio-cognitivo e di connotazione sociale attraverso la narrazione della complessa vicenda empirica che li ha visti coinvolti. Le ricerche discusse consentono di situare il costrutto d’interazione sociale in una cornice più ampia ed attualizzata, anche allo scopo di contribuire alla definizione di linee-guida per l’intervento psicologico nei contesti educativi e di formazione ispirato alla prospettiva costruzionista sociale.
>inizio pagina


Prezzo:
€ 14
Pagine:
185
Collana:
Testi e studi - 231
Pubblicazione:
Maggio 2010
Guido Davide Neri tra scepsi e storia.
Un percorso filosofico.

Autore
Luciano Fausti ha insegnato storia e filosofia nei licei e fa parte, dal 1975, della Fondazione Clementina Calzari Trebeschi di Brescia. Tra l'altro ha scritto nel '78, con Guido D. Neri, per i "Quaderni" della Fondazione, Il marxismo dissidente nelle democrazie popolari. Tra gli ultimi suoi scritti si ricordano Intelletti in dialogo. Antonio Gramsci e Piero Sraffa e Nel Novecento a Brescia. La presenza di Renzo Baldo nella vita culturale e civile della città.

Opera
Il libro ricostruisce il percorso intellettuale di Guido Davide Neri (1935-2001), fenomenologo e docente di filosofia teoretica, dagli anni della sua formazione nella Milano di Banfi e Paci, all’esperienza di Praga alla scuola di Kosík e Patočka, all’insegnamento di filosofia teoretica a Verona dal 1968 al 2001. Tenendo conto dei caratteri e dell’evoluzione del suo pensiero, il libro si concentra sull’analisi della sua filosofia politica e della storia, prendendo le mosse dalla sua riflessione critica degli anni Sessanta e Settanta nei confronti dell’avventura del socialismo esteuropeo e mostrando come dai primi anni Ottanta, con la diagnosi del fallimento del “socialismo reale”, Neri si sia confrontato con altre filosofie della storia, al fine di far vedere la loro maggiore capacità, rispetto al materialismo storico, di offrire strumenti per comprendere il senso e i mutamenti dei tempi. Si giunge così agli scritti successivi all’89, nei quali Neri si misura con la precarietà e l’indecisione del nuovo, elaborando, tra l’altro, analisi sul tema dell’Europa e sul rapporto tra teoria e prassi, che risultano ancor oggi di grande interesse.
>inizio pagina


Prezzo:
€ 14
Pagine
206
Collana:
L'Europa del libro - 1
Pubblicazione:
Maggio 2010
L'officina dei libri 2010.

Opera
L’officina dei libri ha, prima di tutto, l’ambizione di far conoscere i works in progress dei giovani studiosi: anche per questo gli scritti che presenta sono un interessante specchio di molte ricerche attuali, sia quando offrono il primo risultato di un approfondimento appena condotto, sia quando sono testimonianza di un lavoro ancora in pieno sviluppo: sono dunque tasselli importanti, per definire la mappa della storia dell’editoria moderna, che si va costruendo, punto per punto, con scale di varie misure, grazie al contributo e all'impegno di tanti studiosi. In questo primo numero, alla parte riservata ai Saggi dei giovani, si affiancano altre due sezioni rispettivamente dedicate alla Testimonianza e al Documento. La prima accoglie le pagine di un ospite illustre, Alessandro Olschki, che porta una testimonianza sul lavoro editoriale, parlandone direttamente “dall’interno”; l'altra propone invece un documento recuperato da un dimenticato catalogo di metà Ottocento: anche questo un modo per scavare dentro la storia dei libri, portando alla luce tesori rimasti a lungo sepolti.
>inizio pagina


Prezzo:
€ 16
Pagine
328
Collana:
Generazioni - 10
Pubblicazione:
Maggio 2010
Vita, identità, genere in equilibrio precario.
Ricerche psicologiche sul mercato del lavoro in Italia.

Opera
Il volume ruota intorno a una ricerca su base nazionale sulle problematiche di genere nelle nuove identità lavorative. Per rispondere a numerosi quesiti che le consigliere di parità di molte province italiane hanno maturato nella loro lunga attività si è costituito un gruppo di psicologi del lavoro accademici. La ricerca che si è originata ha favorito una riflessione ad ampio raggio sulla flessibilità, l'insicurezza lavorativa, le strategie di adattamento e di conciliazione, sul "work-life balance" e su vari temi collegati, soffermandosi inoltre sulle varie forme di disagi e vessazioni che colpiscono le nuove identità lavorative e, in particolare, le lavoratrici atipiche.
>inizio pagina