edizioni unicopli
NOVITA' 2010 - MARZO


Prezzo:
€ 19
Pagine:
423
Collana:
Materiali di estetica - 1
Pubblicazione:
Marzo 2010
Materiali di estetica 2010.

Opera
Con questo numero del 2010 inizia la nuova serie, diretta da Gabriele Scaramuzza e pubblicata da Edizioni Unicopli.
>inizio pagina


Prezzo:
€ 12
Pagine:
179
Collana:
Città letterarie - 38
Pubblicazione:
Marzo 2010
Istanbul.
Dalla finestra di Pamuk.

Autore
Giulia Valsecchi, trent'anni, è nata a Bergamo, ma da qualche anno vive a Milano dove scrive recensioni per testate on web e collabora con alcune case editrici in veste di lettrice di manoscritti e correttrice di bozze. Nel 2004 si laurea in Lettere Moderne presso l'Università degli Studi di Milano con una tesi sul regista lituano Eimuntas Nekrosius. Nel 2007 consegue il diploma triennale di scrittura drammaturgica presso la Scuola d'Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano, in seguito alla quale aderisce a progetti e concorsi poetici, drammaturgici, narrativi e cinematografici. Istanbul è il suo primo libro.

Opera
"Istanbul" traccia l'indagine di un’osservazione alla finestra. L'occhio di Orhan Pamuk, attraversato da bambino e adulto innocente, diviene quasi decalogo d’altre orme autorali passate e presenti, inseguimento di personaggi isolati ed esperienza della città secondo avvicinamenti e porzioni di sguardo incubatrici di silenzi, pregiudizi, censure effettive e richiami sensoriali tra quartieri e strettoie nelle pieghe inesplorate delle letterature. Il volto sdoppiato e onnipresente del Bosforo, gli effetti ciclici delle invasioni e la bellezza tragica comune agli sfondi, fanno da cassa di risonanza del ricordo e umore primigenio delle evasioni, come dei vagabondaggi. Dei nomi urbani che mutano secondo padrone. La prospettiva è di chi vive una geografia occidentale e orientale come terreno unico e molteplice, vigile alle divisioni. È la dichiarazione che afferma: «il destino di una città può formare il carattere di una persona».
>inizio pagina


Prezzo:
€ 18
Pagine:
262
Collana:
Frontiere della formazione - 20
Pubblicazione:
Marzo 2010
Cultura e pedagogia nell'Italia liberale (1860-1921).
Dal positivismo al nazionalismo.

Autore
Franco Cambi è professore ordinario di Pedagogia generale e sociale presso l'Università di Firenze. Si occupa di teoria dell'educazione, storia della pedagogia e letteratura per l'infanzia. Per le Edizioni Unicopli ha pubblicato vari volumi, tra cui di recente Ortega y Gasset e la 'Bildung' (con altri autori, 2007), Modernizzazione e pedagogia in Italia. Il Novecento (a cura di e con S. Ulivieri, 2008), Archetipi del femminile nella Grecia classica (a cura di, 2008).

Opera
La stagione del positivismo, del socialismo, del primo Novecento ha costituito delle svolte e dei modelli innovatori nell'ambito della cultura nazionale. Anche dal punto di vista pedagogico e educativo. In ognuna di queste "tappe" le posizioni si sono diversificate costruendo un ventaglio di interventi (teorici, istituzionali, didattici) che ben manifesta la ricchezza dei dibattiti che hanno animato questi diversi momenti della crescita dell'Italia-nazione. Esse, poi e tutte insieme, hanno riprese e sviluppato quel processo di Modernizzazione che dopo l'Unità si era imposto, per l'Italia, come un compito prioritario. E in tale processo le pedagogie dal positivismo al nazionalismo, la riorganizzazione della scuola nazionale, la crescita dell'editoria anche scolastica rappresentano momenti significativi e da rileggere, oggi, criticamente, per coglierne, sì, gli eventuali limiti ma anche le molte potenzialità che possono ancora insegnarci qualcosa.  
>inizio pagina