edizioni unicopli
NOVITA' 2010 - NOVEMBRE


Prezzo:
€ 6
Pagine:
90
Collana:
Cento Fiori - 40
Pubblicazione:
Novembre 2010
Antifascismo.

Autore
Giovanni Taurasi (Carpi, 1971) si è occupato - mettendo in relazione storia locale e storia nazionale - di fascismo e antifascismo, culture politiche e amministrative dei partiti di massa nell’Italia repubblicana, autonomia e governo locale. Tra i suoi principali lavori sull’antifascismo Antifascisti nel cuore dell’Emilia, Artestampa, 2002; Lionello Venturi intellettuale antifascista, Nuovagrafica, 2006, Catalogo della mostra storico-documentaria; Intellettuali in viaggio. Università e ambienti culturali a Modena dal fascismo alla Resistenza (1919-1945), Edizioni Unicopli, 2009. Ha curato inoltre (con G. Albarani e A. Osti Guerrazzi), Sotto il Regime. Problemi, metodi e strumenti per lo studio dell’antifascismo, Edizioni Unicopli, 2006.

Opera
Il volume presenta una bibliografia ragionata in grado di fornire una buona base per approfondire la storia dell’antifascismo, dall’ascesa del movimento di Mussolini alla sua caduta il 25 luglio 1943, e i problemi storiografici che esso pone. L’antifascismo presenta una pluralità di prospettive di studio (e alcuni studiosi hanno segnalato l’opportunità di riferirsi agli antifascismi al plurale, per definire meglio la materia). La produzione storiografica ha riguardato da un lato il dibattito politico tra i partiti e i movimenti antifascisti all’estero, dall’altro l’antifascismo in Italia, ricostruito attraverso lo studio dell’antifascismo in carcere e al confino, oppure esaminando le reti cospirative attive nella penisola e le forme meno organizzate, e a volte spontanee, di antifascismo popolare. La bibliografia ragionata è suddivisa perciò in quattro sezioni che riassumono i quattro nuclei principali della produzione scientifica: la prima offre uno sguardo d’insieme ed è riservata alle opere enciclopediche o di carattere generale, mentre le altre tre sono dedicate rispettivamente al dissenso in Italia, alla detenzione politica e, infine, all’antifascismo in esilio.
>inizio pagina


Prezzo:
€ 25
Pagine:
244
Collana:
Centro interuniv. studi ric. storico-mil - 8
Pubblicazione:
Novembre 2010
Pietre di guerra.
Ricerche su monumenti e lapidi in memoria del primo conflitto mondiale.

Curatore
Nicola Labanca insegna Storia contemporanea all'Università degli studi di Siena. È il Presidente del Centro Interuniversitario di Studi e Ricerche Storico-Militari. Con le Edizioni Unicopli è autore di L'istituzione militare in Italia. Politica e società (2002). Fra i suoi ultimi studi Guerre contemporanee. Dal 1945 ad oggi (2008). Ha curato Le armi della Repubblica: dalla Liberazione ad oggi (2009).

Opera
Lo studio dei monumenti ai caduti, e più in generale dei processi di costruzione-invenzione della memoria della Grande guerra, è oggi un campo di studio assai sviluppato in tutta Europa. Il concetto di comunità del lutto, una comunità diversamente perimetrata a seconda dei diversi momenti e delle diverse localizzazioni nazionali, è stato esteso, viste le dimensioni eccezionali delle perdite demografiche causate dalla guerra, sino ad immaginare vere e proprie comunità nazionali del dolore. Il volume, rispetto ad altri analoghi, ha la caratteristica di tenere assieme gli aspetti storici, quelli artistici e quelli relativi alla conservazione attuale dei monumenti ai caduti della Grande guerra. Ha inoltre una valenza nazionale, e non meramente locale, come di recente è accaduto per molte analoghe pubblicazioni, edite man mano che le varie soprintendenze regionali andavano catalogando-restaurando-valorizzando i segni di memoria della propria area di competenza.
>inizio pagina


Prezzo:
€ 16
Pagine:
242
Collana:
Prospettive/ Ricerche - 23
Pubblicazione:
Novembre 2010
Crescere in Italia.
Dall'intercultura all'inclusione sociale: esperienze di educazione dentro e fuori la scuola.


Autori
Francesca Galloni è psicologa e dottore di ricerca in Scienze dell'educazione. Ha svolto attività di ricerca per Università, enti pubblici e privati, realizzando anche alcune pubblicazioni: la più recente è Giovani indiani a Cremona (CISU, 2009). Lavora come formatrice e psicologa nell'ambito scolastico e interculturale.

Roberta Ricucci svolge la sua attività di ricerca presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università di Torino e FIERI (Forum Internazionale ed Europeo di Ricerche sull'Immigrazione). Ha pubblicato diversi contributi sui temi dell'inserimento scolastico e dell'identità sociale dei figli dell'immigrazione, fra cui il volume Italiani a metà (Il Mulino, 2010).

Opera
Il volume intende riflettere sulle progettualità e sulle esperienze di alcune regioni italiane in materia di inclusione scolastica, individuata come lente attraverso cui leggere opportunità e limiti del rapporto fra mondo istituzionale e mondo del privato sociale, punti di forza e di debolezza di comunità locali in cerca di un equilibrio fra le migrazioni di ieri e quelle di oggi, e alle prese con sfide educative di ampia portata e interesse. L’obiettivo non è tanto quello di mettere in mostra buone pratiche, quanto di rendere conto di pregi e limiti di azioni e progetti, di modalità operative e gestionali, ad oggi in uso per affrontare e combattere disagio ed esclusione. Il volume, pertanto, si indirizza a quanti si preparano a svolgere, e a coloro che già svolgono, ruoli educativi e formativi, ma anche organizzativi, gestionali e decisionali, intrecciando la riflessione sociologica e psico-educativa sui cambiamenti e sulle trasformazioni di tali responsabilità con la pratica ordinaria dell’accompagnamento e della formazione delle giovani generazioni.
>inizio pagina


Prezzo:
€ 14
Pagine:
124
Collana:
Centro studi T. Gallarati Scotti - 1
Pubblicazione:
Novembre 2010
Tommaso Gallarati Scotti e il suo tempo.
Volume I. Dalla crisi modernista all'interventismo democratico.


Curatore
Luciano Pazzaglia

Opera
Tommaso Gallarati Scotti nutrì per il Risorgimento un atteggiamentio di viva simpatia, tanto più interessante in quanto nella cerchia familiare le vicende che avevano condotto il Paese all'Unità erano guardate con sospetto, se non con ostilità. Studiando il Risorgimento, egli approfondì soprattutto la tradizione cattolico-liberale, con speciale riguardo alle figure di Manzoni, Gioberti e Rosmini. Fu senza dubbio grazie a tale tradizione se Gallarati Scotti si appassionò al tema della libertà di coscienza ed entrò subito in sintonia con le aspirazioni di molti riformatori che, ai primi del Novecento, auspicarono un profondo rinnovamento della Chiesa e furono coinvolti nella crisi modernista.
>inizio pagina


Prezzo:
€ 17
Pagine:
271
Collana:
testi e studi - 232
Pubblicazione:
Novembre 2010
Narrazioni di ieri e di oggi.
Autori, editori, librai.


Curatore
Barbara Peroni, vive e insegna a Milano materie letterarie. Si occupa dell'aggiornamento e della formazione degli insegnanti, per cui organizza ogni anno convegni, seminari, dibattiti.. Ha curato gli Atti dei convegni letterari "Milano da leggere" da lei ideati e organizzati all'Università degli Studi di Milano. Scrive su riviste di taglio letterario-didattico.

Opera
Il volume raccoglie le relazioni del convegno “Milano da leggere - L’amico libro” tenutosi a Milano nel febbraio 2010. Le pagine disegnano un interessante tracciato che coniuga la lettura dei grandi classici italiani con la voce degli scrittori contemporanei unita all’esperienza di editori e librai. Tanti fili si intrecciano e si rincorrono creando un ordito che rappresenta il senso stesso del verbo “leggere”. Dalle relazioni emerge come sia importante imparare a leggere, di come sia essenziale frequentare librerie, di come da piccoli-piccoli ad adulti si debbano acquisire abilità per cercare significati, motivazioni, rapporti culturali e sociali. È un percorso che cerca e propone una lettura consapevole ed educativa.
>inizio pagina


Prezzo:
€ 18
Pagine:
326
Collana:
Studi e ricerche sul territorio - 76
Pubblicazione:
Novembre 2010
Cos'è il mondo? E' un globo di cartone.
Insegnare geografia fra Otto e Novecento.


Curatore
Marcella Schmidt di Friedberg è professore associato di Geografia e Geografia Culturale presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università di Milano-Bicocca. I suoi interessi di ricerca riguardano la geografia dell'ambiente, la geografia culturale e la geografia storica. Ha pubblicato, tra l'altro, L'arca di Noè. Conservazionismo tra natura e cultura (Giappichelli, Torino, 2004), Geografia a scuola: monti, fiumi, capitali o altro? (Guerini, Milano, 2005), Elisée Reclus. Natura e educazione (Bruno Mondadori, 2007).

Opera
Quale geografia insegnare oggi agli studenti della scuola dell’obbligo? Nell’epoca della globalizzazione, dopo la fine dei viaggi di scoperta, del nazionalismo e del colonialismo che significato ha la geografia per le nuove generazioni? Le liste di nomi di fiumi, montagne e capitali possono servire ancora per costruire negli studenti un sistema di coordinate e di riferimenti spaziali a livello globale o sono superate? Alla ricerca di inquadramenti tematici e di strumenti metodologici per insegnare la geografia nell’era attuale, il volume propone di ritornare alle voci di autori classici tra Ottocento e Novecento ed esplorare il loro contributo alla costruzione di un senso geografico, utile ancora oggi per i futuri cittadini del mondo.
>inizio pagina


Prezzo:
€ 12
Pagine:
166
Collana:
Laboratori della memoria - 24
Pubblicazione:
Novembre 2010
Io vivo qui!
Storie di vita dell'Alta Valle Maira.


Curatori
Giose Fornillo, educatore professionale, sceneggiatore, regista di teatro e presidente dell'Associazione 'TeatroEterapiA' che opera nella provincia di Cuneo.

Lucia Portis, antropologa, formatrice e ricercatrice sociale, esperta in metodologie autobiografiche, specializzata in percorsi formativi e ricerca narrativa presso la Libera Università dell'Autobiografia di Anghiari (Ar), fondata da Saverio Tutino e Duccio Demetrio e di cui è collaboratrice scientifica dal 2004.

Opera

L’esperienza descritta in questo volume parte dalle “storie di vita” delle persone, raccolte con il metodo autobiografico e adattate in una rappresentazione teatrale ascrivibile all’esperienza del “teatro sociale”. . Alla realizzazione dell’intero progetto hanno partecipato un consulente e 11 volontari tra biografi e attori. Tutte le narrazioni sono infine condivise in una “mnemoteca”, un luogo fisico e conservativo delle storie, illustrazioni e altro. Il progetto è stato coordinato dall’Ecomuseo dell’Alta Valle Maira” la valle alpina in Provincia di Cuneo, che comprende i comuni di Marmora, Elva, Prazzo, Celle di Macra e Macra, e che determina il territorio di riferimento delle storie raccolte.
>inizio pagina


Prezzo:
€ 12
Pagine:
153
Collana:
Città letterarie - 39
Pubblicazione:
Novembre 2010
San Paolo.
Lévi-Strauss, "saudade" tropicale.


Autore
Bruno Barba, antropologo, è ricercatore del Dismec (Dipartimento di Storia Moderna e Contemporanea, sezione Etnologia, Facoltà di Lingue) dell'Università di Genova. Si occupa da una ventina d'anni di meticciati culturali e sincretismi religiosi in Brasile. Tra le sue pubblicazioni: Il gioco dei Buzios (Xenia, 1999), Brasil meticcio (il Segnalibro, 2004), Bahia. La Roma negra di Jorge Amado (Unicopli, 2004), B.I. di Exu e Pombagira, (apenas livros, 2006), Un antropologo nel pallone (Meltemi, 2007), Rio de Janeiro. La poesia di Ipanema (Unicopli, 2007), Tutto è relativo. La prospettiva in Antropologia (Seid, 2008), La voce degli dei (Cisu, 2010), La XXXIII squadra (Effequ, 2010).

Opera
Quando il grande antropologo Claude Lévi-Straus vi soggiornò, negli anni Trenta,San Paolo era una città in velocissima, tumultuosa, continua trasformazione. Una città osservata con lo stesso metodo, la stessa attenzione scrupolosa, lo stesso trasporto con cui Lévi-Strauss osservava le tribù degli indios brasiliani: i grattacieli come animali esotici, i percorsi delle strade come enigmatiche simbologie, i quartieri come misteriose ed elettrizzanti “strutture”, la natura esuberante come promessa di felicità e al contempo di saudade. Una città viva, pulsante, meticcia; timida e insieme sfrontata, italianissima eppure americana, postmoderna e vecchia, ora familiare, ora incredibilmente estranea, San Paolo è la città che forse meglio di tutte sa interpretare il flusso, le istanze, il ritmo della modernità.
>inizio pagina


Prezzo:
€ 20
Pagine:
348
Collana:
Dip. Progettazione arch. - 28
Pubblicazione:
Novembre 2010
La battaglia delle idee.
Il contributo di Lucio Stellario d'Angiolini all'urbanistica italiana.


Autore
Stefano Recalcati (1977), architetto e dottore di ricerca, si occupa di pianificazione strategica, pianificazione urbanistica e progettazione urbana attraverso l'attività di consulenza alle pubbliche amministrazioni, la ricerca universitaria e la partecipazione ai concorsi di progettazione. Dal 2008 è professore a contratto di Progettazione Urbanistica presso la Facoltà di Architettura Civile del Politecnico di Milano.

Opera
Il testo indaga la figura e l’opera, poco conosciuta e spesso trascurata, dell’urbanista milanese Lucio Stellario d’Angiolini (1918-1995). Ingegnere formatosi prima alla scuola romana di Enrico Fermi e poi al Politecnico di Milano maturando interessi che spaziano dall’urbanistica all’architettura, dalle arti figurative alle scienze economiche e sociali, d’Angiolini partecipa attivamente al dibattito culturale sul destino e sul ruolo delle città che si è svolto in Italia nella seconda metà del Novecento, fornendo un contributo originale e decisivo, soprattutto attraverso il duraturo insegnamento alla Facoltà di architettura di Milano, sia per quanto riguarda le modalità di interpretazione delle trasformazioni territoriali in atto, sia per la teorizzazione di un nuovo modo di fare urbanistica come scienza sperimentale fondata sulla “prassi”.
>inizio pagina